URBS IPSA MOENIA 2015. Castelli e mura Il Castello di Padova e le difese del terriorio nel Medioevo

in

 
Urbs Ipsa Moenia 2015
conferenze sulle fortificazioni
Castelli e mura
Il Castello di Padova e le difese del terriorio nel Medioevo
Nuovi dati archeologici. Restauri a confronto. Un autore per gli affreschi del Castello Carrarese
 
PRIMO APPUNTAMENTO 
 
Stefano Tuzzato
Castello di Padova 2011-2014: quattro anni di indagini archeologiche, quattro anni di scoperte
 
Edi Pezzetta
Interventi strutturali nella prospettiva del riuso del Castello di Padova
 
 
 
Il ciclo Urbs Ipsa Moenia torna a occuparsi delle difese medievali di Padova e del suo territorio.
L’obiettivo è puntato sulle acquisizioni più recenti, dal punto di vista della conoscenza come da quello della fruizione, che sottintende conservazione e restauro.
Riportare l’attenzione sulle difese che hanno preceduto la rivoluzione architettonica, urbanistica e territoriale prodotta dalla cinta bastionata cinquecentesca serve a ricordare che la città di Padova, come accade per ogni città storica, si presenta come un palinsesto in cui edifici pubblici, privati, di culto e strutture difensive si sono avvicendati in un continuum di sovrapposizioni, che vanno ritrovate, studiate e salvaguardate. Senza privilegiare un’epoca rispetto a un’altra.
Lo stesso vale per il territorio, le cui vicende non sono meno complesse, come gli studi in corso da alcuni anni continuano a confermare, individuando e ricostruendo una complessa rete di castelli e fortificazioni lungo le diverse e sempre mutevoli linee di confine.
Punto di partenza d’obbligo il castello di Padova, dove le novità si susseguono, anche "a riflettori spenti". La pulitura dall’intonaco della parete che affaccia a sud sulla corte maggiore ne ha rivelato l’aspetto originario, mentre i sondaggi archeologici, nella corte e intorno a essa, hanno gettato importanti squarci di luce sulle strutture che hanno preceduto il castello carrarese. Nel frattempo se ne studia la decorazione affrescata, e se ne cominciano a individuare autori e significati.
Riguardo al territorio, se da un lato si ricostruisce per via archeologica una complessa rete di rocche e castelli distribuiti sui Colli Euganei, di cui poco rimane visibile, con l’importante eccezione di San Martino e di Valbona, le città minori, Cittadella, Este, Montagnana, recuperano e valorizzano le proprie mura.
In chiusura, uno sguardo sulle mura medievali di Padova, il cui studio può ancora riservare sorprese.
Le conferenze saranno accompagnate da visite guidate nei luoghi di cui si parlerà, per permettere una "verifica sul campo" di quanto illustrato.
 
Per informazioni:
Associazione "Comitato Mura di Padova" via Raggio di Sole 235137 Padova
 
tel 347 6145908 (segretario) comitatomura@virgilio.it www.muradipadova.it

AllegatoDimensione
urbs ipsa moenia 2015.pdf1.54 MB